• Home
  • Prevenzione dei tumori genitali femminili

Prevenzione dei tumori genitali femminili

Si eseguono su appuntamento i test di screening e le consulenze per la prevenzione dei tumori della sfera genitale femminile.

  • TUMORE AL COLLO DELL’UTERO attraverso l’esecuzione del PAP TEST e del TEST HPV e, nel caso questi test risultassero positivi, verrà consigliata una visita con lo specialista di riferimento.
  • TUMORE AL SENO verrà insegnata alla donna la tecnica per eseguire correttamente l’autopalpazione del seno e le indicazioni per effettuare lo screening mammario con l’ecografia e la mammografia.
  • TUMORE OVARICO e TUMORE ENDOMETRIALE: verranno fornite indicazioni per l’esecuzione dell’ecografia pelvica di routine.

IL PAP TEST: è un test di screening per la prevenzione del tumore del collo dell’utero che consente di individuare precocemente le alterazioni delle cellule della cervice uterina, incluse quelle tumorali o che potrebbero evolvere verso la malignità.

Si esegue posizionando un divaricatore vaginale, chiamato speculum e con una spatola si prelevano le cellule della cervice uterina. È un esame indolore che richiede pochi minuti per la sua esecuzione.

HPV TEST: il papilloma virus è un virus molto diffuso che si trasmette per via sessuale. Vi sono circa 100 tipi di virus papilloma conosciuti, alcuni dei quali sono correlati con l’insorgenza del tumore al collo dell’utero. Il test HPV permette di rilevare la presenza del virus, attraverso l’esecuzione di un particolare tampone, ancor prima che le cellule dell’utero presentino modificazioni. Questo test consente di identificare precocemente il rischio di sviluppare la malattia, in modo tale da poter pianificare i controlli di screening successivi.

AUTOPALPAZIONE DEL SENO: consiste in un’abitudine preventiva per individuare le variazioni che avvengono mensilmente nella ghiandola mammaria e quelle che possono destare sospetto in modo tale da poter indirizzare la donna a controlli successivi quali ecografia, mammografia ed eventuale visita senologica. L’autopalpazione deve essere eseguita correttamente e non sostituisce gli esami di screening che consistono nell’esecuzione dell’eco mammaria e della mammografia, ma li integra durante l’intervallo tra un controllo e l’altro.